Perché le vacanze (di Capodanno) portano non solo gioia e divertimento? Perché nel periodo festivo c’è un luogo di tristezza e desiderio? Quali domande (e risposte) interferiscono con una vacanza spensierata?

Per molte persone, l’inizio dell’era festiva è sinonimo di felicità. Questo è un momento che può essere trascorso con i parenti, radunarsi al tavolo festivo e scambiare regali … perché le vacanze/vacanze e il Natale/Capodanno sono nella scala di eventi stressanti di Holmes e Raikh? La risposta è semplice: le vacanze non sono solo la gioia della comunicazione e delle riunioni, ma anche l’opportunità di fermarsi e stare da solo con se stessi. E durante questa fermata forzata, sorgono domande sul fatto che non c’è posto nel frenetico ritmo della vita di tutti i giorni: “Cosa potrei ottenere quest’anno?”,” Sono soddisfatto della mia vita?”,” Mi conosco?”. E se non riusciamo a trovare risposte a queste domande, non aumenteremo il buon umore e il vigore.

Ecco perché ad alcune persone non piacciono le vacanze: Willy-olly, devono ascoltare il fatto che durante l’anno sono annegati più spesso. Alle loro stesse emozioni. Questi sono eccellenti indicatori e una preziosa fonte di informazioni su come ci sentiamo, sia che ci preoccupiamo di noi stessi, siamo soddisfatti della nostra vita. E ascoltando le loro emozioni, durante le vacanze molte persone iniziano a essere involontariamente tristi. Se analizziamo ciò che c’è dietro questo sentimento diventerà ovvio: è sempre in qualche modo connesso alla perdita.

  • Perdita di ideali (“Per così tanti anni di seguito, cerco di migliorare in ogni modo ogni giorno, ma non succede nulla”);
  • Perdita di un partner (“Incontra le vacanze nello status di solitario: cosa può aggravare più fortemente un senso di abbandono?”);
  • Perdita di lavoro (“Per il nuovo anno voglio acquistare regali a tutti, e sono rimasto senza lavoro e, quindi, senza soldi”);
  • Perdita (l’ultimo elemento è nella lista, ma non di importanza: il nuovo anno con la famiglia e gli amici possono portare dolore, ricordando involontariamente i cari che non sono più con noi).

Per questi motivi, i compagni di alcune persone durante le vacanze sono solitudine, tristezza e talvolta depressione.

Cosa fare?

Certo, non possiamo controllare tutto ciò che accade nella nostra vita. Ciò è particolarmente vero per gli eventi tristi, da cui nella maggior parte dei casi non possiamo proteggere né noi stessi

https://tech-trial.com/tutto-e-abbastanza-o-un-uomo-e-sull-orlo-del/

né i nostri cari. Ma ci sono diverse ipotesi cosa si può fare in modo che alla fine dell’anno non dobbiamo essere più tristi su ciò che era possibile per noi.


« »